IZABELA LUPULESKU (SRB): “Il Garda Trentino mi ispira”

La giocatrice serba è tornata a Riva del Garda a tre anni di distanza: "Questo è un luogo fortunato per me, non voglio ripartire senza avere avuto un po’ di tempo per godermi il lago"

29 novembre 2017

Izabela Lupulescu e le sue compagne di squadra hanno ottenuto una splendida vittoria per 3-1 contro Hong-Kong che ha aperto alla Serbiale porte dei quarti di finale. La Serbia ha dimostrato un invidiabile spirito di squadra: è questa la chiave del successo?

Izabela Lupulesku: “Direi proprio di sì. Lavoriamo assieme da cinque anni, praticamente da quando eravamo bambine. Siamo come una piccola famiglia. Nella squadra l’ambiente è ideale per fare bene e ci incoraggiamo a vicenda. Due settimane or sono, all’Open di Ungheria, abbiamo conquistato un piazzamento migliore rispetto ad Hong-Kong, pertanto abbiamo giocato consapevoli di poter vincere. Sono molto contenta”.

Poi avete incontrato la Cina nei quarti e avete perso per 3-0. Troppo divario fra i due team o covate qualche rammarico?

Siamo su due livelli totalmente diversi. Ho avuto qualche possibilità di impormi: ero in vantaggio per 9-5 nel primo set e 7-3 nel terzo. Ma le giocatrici cinesi sono più forti di noi, avevamo messo in preventivo il ko”.

Sei una delle migliori giocatrici europee e attualmente numero 27 al ranking mondiale. Quali sono i tuoi obiettivi per la gara individuale?

Sono stata estromessa dall’edizione del 2016 nei 32esimi di finale, pertanto mi auguro di approdare quanto meno ai sedicesimi. Voglio dare tutto: si tratta del mio ultimo torneo juniores e vorrei diventasse per me un bel ricordo”.

Tre anni fa eri qui a Riva del Garda per gli Europei Giovanili. Che ricordi hai di quell’esperienza?

Ricordi bellissimi in quanto qui vinsi la medaglia di bronzo nel singolare, e questo è uno dei migliori risultati che abbia mai ottenuto. Sfortunatamente non ho avuto modo di visitare la città perché ero reduce da un torneo in Russia. Spero di disporre del tempo necessario nei prossimi giorni perché qui c’è un lago bellissimo. La natura è mozzafiato, rilassante: ci sono posti dove mi fermerei per ore e ore ad ammirare le bellezze paesaggistiche”.

Luca Anthonioz

Photo: Izabela Lupulesku
Credits: Remy Gros