YOUSSEF ABDEL-AZIZ (EGY): «Non vedo l’ora di scoprire Riva»

Il giocatore egiziano sta scalando velocemente le graduatorie mondiali: «È un momento molto positivo per me, mi trovo bene qui, la mia prima volta in Italia è perfetta»

27 novembre 2017

Gli atleti africani sono sempre più presenti nei grandi eventi di tennistavolo. Come te lo spieghi? Youssef Abdel-Aziz: «Tanti paesi dispongono di pongisti che si stanno disimpegnando bene fra i senior. È il caso, ad esempio, del nigeriano Aruna (n° 27 del ranking mondiale) o dell’egiziano Assar (n° 21). Sono delle star assolute. Io non lo sono, ma mi auguro di raggiungere un giorno i loro livelli».

I due migliori giocatori africani, nel maschile e nel femminile, sono entrambi egiziani«È una questione di allenamento. In altri paesi del mio continente si tende ad investire meno nel tennistavolo. Trovo sia questa una delle ragioni principali per la quale l’Egitto è un passo avanti».

Un bel passo avanti lo hai compiuto anche tu individualmente, passando dall’80° al 43° posto nel ranking mondiale ITTF. Quali sono le tue ambizioni in vista dei Campionati Mondiali Juniores? «Sono molto felice di essere in questo posto meraviglioso e mi auguro di esprimermi al meglio delle mie potenzialità».

Cosa ti piace in Italia? «È la mia prima volta in Italia (ride), ma viaggio molto. Finora posso dire che l’ambiente è gradevole, l’organizzazione è ottimale. Mi piacerebbe dare un’occhiata a Riva del Garda, ma fin qui non abbiamo avuto il tempo necessario. Magari dopo il Team Event!».

Luca Anthonioz